M  O  S  T  R  E    2 0 0 9

 
 
Futuro
 

C  A  T  A  L  O  G  O

Rina Villani

 

 È stata inaugurata il 30 giugno 2009 la mostra “Futuro” nella Comunità degli Italiani

 Con la collaborazione della Comunità degli Italiani, Rina Villani ha esposto le sue opere su tela il 30 giugno di quest’anno per lasciare aperta la mostra fino al 30 luglio.

In questa mostra presenta una serie di acrilici monocromi bianchi e neri e un gruppo policromo. Lei, dopo una lunga esperienza italiana nel campo scenografico teatrale e cinematografico, torna ad una ricerca pittorica piuttosto decorativa, pur non mancandole l’esperienza tecanica e creativa.

Nelle prime ricerche giovanili bianco-nere, si possono notare delle similitudini con questi nuovi lavori, pur avendo aggiunto acrilici policromi.

Il titolo della mostra: FUTURO, voluto dall’artista per ricordare il centenario del movimento futurista (1909-2009) è un omaggio al futurismo. Questo movimento leggendario, evoca un percorso creativo e veloce, che rispecchia il carattere della Villani, che somiglia alla pittura futurista regolata da “Velocità più Arte più Azione”…e nel suo subconscio, che rispecchia un punto per esplorare le nuove sfide artistiche…

26 dipinti acrilici su tela che hanno comunque l’estetica del disegno tessile; le opere non sono molto mutate, anche se hanno percorso trenta anni di attività.

Aggiungerei l’accento sulle forme, che sono ridisegnate oggi con maggiore intensità, colmando tutto lo spazio, dando al quadro un’atmosfera onirica.

Ecco i titoli delle opere:

 

     

 

 

 

 

 

 

 
 
 
Installazione in Comunità
 

C  A  T  A  L  O  G  O

Adam Marušić:  

È stata inaugurata il giorno 15 settembre 2009 nella Comunità degli Italiani la mostra- installazione del pittore Adam Marusic, professore del Liceo Artistico di Zara.

 Con la collaborazione della Comunità degli Italiani è stata organizzata la mostra - installazione del pittore Adam Marusic, che ha suscitato molto interesse. La mostra è stata motivo di visita da parte di numerosi ospiti, che con stupore hanno potuto osservare e nello stesso tempo riflettere su una nuova espressione artistica. La mostra intitolata «Spazio Meditativo» proprio perchè il pittore ha voluto che il pubblico riflettesse, meditasse sull'arte dei nostri giorni.

Infatti ha dichiarato: Questa è la mia prima presentazione di una  installazione in uno spazio espositivo dove non esiste alcuna traccia della pittura da cavalletto, illustro solo la materia nello spazio tramite la coscienza meditativa, ma nel nascosto subconscio della memoria cerco una remota forma fluttuante materializzandola in una carta rilievata o sgualcita.  Nello spazio di questa mostra ognuno trova il suo tempo

 

APPUNTI DELL’ ARTISTA

Intervento nello spazio 

Pensiero che si materializa nello spazio 

Riflettere in un altro tempo 

Spazio materializato in forma di tempo 

Materia proiettata dal tempo passato 

Colori memmorizati dal passato  

Cammino infinito 

Meditazione infinita 

Spazio senza tempo