BIBLIOTECA

nuova Biblioteca in Via Borelli, 8

 
 
 
La nuova biblioteca è stata inaugurata il 24 marzo 2007, presenti anche le autorità locali.
I libri sono a disposizione di tutti  coloro che sono interessati alla lingua e alla cultura italiana, infatti la gran parte del fondo bibliotecario è in italiano, circa 4000 volumi, perlopiù avuti in donazione. Esiste anche una scaffalatura con materiale di archivio ed è anche dotata di una videoteca di circa 50 film italiani e non. 

 I libri sono collocati negli scaffali in modo razionale per una facile consultazione. Oltre ai romanzi ed alla letteratura vi si trovano edizioni specializzate ed enciclopedie. Una parte dedicata alla letteratura dell’Istria, Fiume e Dalmazia.

In biblioteca è stato organizzato anche un angolo per i bambini con favole,  fumetti e giochi da tavolo educativi.

La nostra biblioteca è  un punto di incontro non solo per i soci della Comunità ma anche per i corsisti che seguono i corsi di italiano e per gli studenti dell’Università locale.

Il suo fondo sarà, ci auguriamo presto, consultabile in rete. 

 
 
 
 
 
 

 

 
 

Un nuovo libro per la nostra biblioteca

 In questi giorni abbiamo ricevuto in regalo per la nostra biblioteca il libro: “Zadar od bombardiranja do izgnanstva  (1943. – 1947.)”. edito dall’ente giornalistico editoriale EDIT di Fiume, prima edizione in croato del famoso diario di mons. Giovanni Eleuterio Lovrocich “Zara – dai bombardamenti all’esodo”, già presente nella nostra biblioteca da anni. Il libro, o meglio il diario,  è una delle poche testimonianze scritte in quei giorni.   Citerò le parole che Franco Luxardo ha usato nel presentare questo libro.

 Il diario è una delle pochissime testimonianze scritte in quei giorni tremendi per la città e per i suoi abitanti, ed ha un valore particolare per lo spirito che animava questo sacerdote che poneva anche la sua vita al servizio del prossimo. Sono certo di interpretare il messaggio di “don Giovanni” (così lo chiamavano tutti) quando esprimo la speranza che testimonianze di questo genere siano utili ai giovani, perché dalle esperienze del passato imparino che le guerre sono sempre inutili e che solo in pace e nella reciproca tolleranza si può costruire il proprio futuro di uomini e di donne. 

Vi invitiamo quindi a visitare la nostra biblioteca  e leggere il libro in italiano oppure in croato, nella versione che preferite. Vi aspettiamo. 

 
 
 

Nuovo libro in biblioteca:

 La Casa di Calle San Zorzi” di Lucio Toth

L’autore di questo romanzo si propone di narrare l’odissea della genti dalmate attraverso il Novecento: dal crollo dell’impero austro-ungarico alla dissoluzione della ex-Iugoslavia. Conflitti di razze, di ideologie, di nazionalità, di religioni, vissuti sulla pelle di gente comune di una terra di frontiera, la più sconosciuta d’Europa. Ne risulta un’affresco di un mondo in parte scomparso, ma che ha lasciato una scia di rancori, di sconfitte non superate, di problemi etnici e religiosi tuttora aperti; di strascichi giudiziari, di controversie tra Stati, di immaginari collettivi contrapposti e tuttora incomunicabili.

 Lucio Toth, e nato a Zaranel 1934 da famiglia zaratina. Attualmente vive a Roma. Laureato in Giurisprudenza è entrato in magistratura e ne ha percorso tutti i gradi fino a Presidente di sezione della Corte di Cassazione. Dal 1999 al 2000 è stato presidente della Federazione delle Associazioni degli Esuli Istriani, Fiumani e Dalmati. Attualmente ne è Vicepresidente. Con questo volume esordisce in campo letterario.